BOLZANO: Analogica 8

Pubblicato: 01/11/2018 da Redazione in Fiere/Festival, Fotografia, Mostre, News, Trentino Alto Adige

201811_Analogica_8_pic

WORKSHOP, CONFERENZE, MOSTRE, PERFORMACE E PROIEZIONI: DAL 14 AL 18 NOVEMBRE BOLZANO È LA CAPITALE DELL’ANALOGICO CON ANALOGICA 8
Programma completo: https://www.analogica.org/
ANALOGICA 8 è un evento gratuito e libero a tutti. Per poter continuare a realizzare il festival e a farlo crescere è attiva una campagna autogestita di crowdfunding, che si trova sul sito e che gli organizzatori invitano a sostenere con una piccola donazione.

Torna a Bolzano il Festival ANALOGICA dedicato alla tecnologia analogica, che sia super8, fotografia o suono/performance. Unico nel suo genere a livello nazionale, è ormai giunto alla sua 8a edizione e porta a Bolzano dal 14 al 18 novembre 2018 ospiti e performance internazionali

Analogica nasce per stimolare e sostenere la divulgazione e la conoscenza dell’utilizzo di tecnologie analogiche nella pratica artistica e creativa, in maniera particolare in progetti di ricerca sperimentale legati al cinema, alla fotografia e alla produzione sonora. In piena epoca digitale, ANALOGICA si pone come realtà di riferimento per poter continuare a rendere possibile la produzione artistica di quanti vogliano lavorare con pellicola o con tecniche che rischiano di scomparire o di essere dimenticate.
Lo scopo di ANALOGICA FESTIVAL è offrire uno spazio di confronto e scambio con artisti locali e internazionali, e sostenere lo sviluppo di networks, e collaborazioni. Nei cinque giorni del festival vengono organizzate proiezioni di cortometraggi, laboratori, incontri e presentazioni, mostre fotografiche, rassegne cinematografiche, oltre ad ospitare performances di artisti locali e internazionali. Ricchissimo e molto vario è infatti il programma per il 2018.

ANALOGICA 8 ospita, nella prima giornata del 14 novembre alle 20:00 al Passage di Museion, la proiezione del film di Joshua Bonnetta e J. P. Sniadecki EL MAR LE MAR, documentario presentato nel 2017 alla Berlinale e nel 2018 proiettato al Moma e al Museum of Moving Image di New York. Per la prima volta in Italia il film, interamente girato in 16mm e sviluppato artigianalmente, indaga il confine tra il Messico e gli Stati Uniti raccogliendo le tracce delle tante persone che cercano una via di fuga nel deserto di Sonora.

Il secondo giorno, 15 novembre, è dedicato alla fotografia: alle 18:00 inaugura presso il Foto Forum (via Weggenstein, 3) la mostra “36EXP / a call for unprocessed roll films /”, che sarà poi visitabile fino al 24 novembre. 36EXP è la call fotografica di ANALOGICA, un contest dedicato al racconto, reportage o progetto fotografico espresso attraverso l’utilizzo dell’intero rullino. Nessun editing è possibile, il rullino è stato inviato esposto e non sviluppato, senza quindi conoscerne i risultati, se non quelli immaginati. La call, aperta ad aprile 2018, ha visto la partecipazione di 41 rullini provenienti da tutto il mondo. L’opening della mostra a Bolzano farà conoscere i progetti selezionati.

Terzo giorno, 16 novembre, a partire dalle 19:30 al Theater in Hof (Piazza Erbe, 37) si comincia con le proiezioni di ANALOGICA SELECTION 8, il programma annuale di ANALOGICA dedicato alla produzione più recente di film realizzati in super8, 16mm o found footage. Nato per promuovere i filmmakers e artisti che lavorano in analogico, è presentato con tre programmi di circa 60 minuti l’uno ed è composto da 26 film, nazionali e internazionali. A seguire, alle 21:00 Guillaume Vallée film program e alle 21.30 “Assembling Imagination: Michael Fleming’s film selection”.

Nel weekend, 17 e 18 novembre, il Festival si sposta a RU17 (via Piani di Bolzano 17) alternando workshop, performance e proiezioni serali.
Realizzare film senza cinepresa, (cameraless filmmaking) utilizzando il footage o semplici scarti di pellicola è una tecnica di animazione che si base sull’alterazione di un film già finito (che sia d’archivio o dell’autore stesso): ANALOGICA 8 ospita i workshops e i lavori di Michael Fleming e Guillaume Vallée, costi e iscrizioni sul sito: http://www.analogica.org/workshop2018.html. Michael Framing, artista visivo di Amsterdam, lavora principalmente con il collage, tagliando e arrivando a ‘sezionare’ la pellicola stessa. Guillaume Vallée è un filmmaker sperimentale e artista visivo canadese che concentra il proprio lavoro nella realizzazione di film e performance che nascono principalmente con la tecnica dell’alterazione dell’immagine attraverso la pittura e i graffi diretti sulla pellicola. Concentrato sul 16mm e sul super8, che mescola con attenzione al VHS, oltre a una selezione dei suoi recenti lavori porta ad ANALOGICA 8 una performance visiva e sonora in collaborazione con Hazy Montagne Mystique (aka Chittakone Thirakul), sound artist di Montreal, Quebec.
Il 17 sera, alle 21:30 spazio anche a UNZA LAB Milano, un laboratorio-camera oscura partecipato, tra i pochissimi in Italia, che porta un progetto di Giuseppe Chito e Tiziano Doria, MOGADISCIO. Una performance visiva e sonora per proiezioni in 16mm, super8 e diapositive con al centro la capitale della Somalia durante l’occupazione italiana. Il 18 novembre a partire dalle 19:00 prosegue la Selezione Analogica e a seguire ASSEMBLING IMAGINATION / a Michael Fleming’s film selection, una selezione dei film più recenti di Fleming.

Annunci

I commenti sono chiusi.