Posts contrassegnato dai tag ‘oliviero toscani’

Oliviero Toscani. Professione fotografo
24 giugno – 25 settembre 2022
Palazzo Reale, Milano

olivierotoscani professionefotografo stampa 08

Apre a Milano, il prossimo 24 giugno a Palazzo Reale, la mostra OLIVIERO TOSCANI. Professione fotografo, la più grande esposizione mai dedicata in Italia al grande fotografo in omaggio ai suoi 80 anni.

La mostra – promossa dal Comune di Milano-Cultura, prodotta e organizzata da Palazzo Reale e Arthemisia e curata da Nicolas Ballario – propone oltre 800 scatti di Toscani e presenta al pubblico tratti iconici del suo lavoro e opere meno conosciute, raccontando la carriera di un uomo dallo sguardo geniale e provocatorio che negli anni ha influenzato i costumi di diverse generazioni e fatto discutere il mondo sui temi più disparati.

(altro…)

Maledetto Toscani. Sulla filosofia di un fotografo sovversivo.
di Pino Bertelli con scritti di Oliviero Toscani.

Irriverente, istrionico, sfuggente. Un genio o uno sbruffone. Tutto si può dire di Oliviero Toscani, tranne che sia un personaggio che lascia indifferenti. Spesso, su di lui, i giudizi sono quindi trancianti: i suoi detrattori particolarmente aggressivi, i suoi estimatori estasiati.
Alla figura di Oliviero Toscani, l’uomo, il fotografo, l’artista, il personaggio, è dedicato il libro “Maledetto Toscani” di Pino Bertelli, edito da Cine Sud srl, che al suo interno riporta anche alcuni scritti dello stesso fotografo milanese. (altro…)

2-min.jpg

Entra nel vivo del suo terzo trimestre Coscienza dell’Uomo, il progetto fotografico organizzato nell’ambito di Matera 2019 dalla Cine Sud di Catanzaro, che da gennaio ha portato nella capitale della cultura europea ben 23 mostre (per arrivare a 40 entro fine anno) con l’intento di promuovere un modo diverso di fare fotografia. “Spiegare l’uomo all’uomo e ogni uomo a sé stesso”, scrisse Edward Steichen, ed è proprio questo l’obiettivo del promotore Francesco Mazza e del direttore artistico Maurizio Rebuzzini. Scuotere le coscienze, combattere contro il genocidio culturale dei nostri tempi, l’ipocrisia e la leggerezza dilagante nella società di oggi attraverso una fotografia semplice, che metta da parte spettacolarità e bagliore, e si avvicini sempre di più alla conoscenza dell’uomo.  (altro…)