Posts contrassegnato dai tag ‘rino-giardiello’

A3-poster.png

Seconda tappa della prestigiosa mostra fotografica Feeling Home già presentata a Milano in marzo, ma chiamarla “mostra fotografica” è oltremodo riduttivo per il gran numero di eventi che hanno arricchito gli spazi e le giornate nella suggestiva ambientazione della Fabbrica del Vapore.

Da Milano a Voghera, in una cornice altrettanto prestigiosa e suggestiva: il Castello Visconteo. La mostra, ideata e curata da Giusy Tigano di GT Art Photo Agency è stata inaugurata sabato 9 settembre ed è nata in collaborazione con l’associazione SPAZIO 53 VISUAL IMAGING e dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Voghera che l’ha inserita all’interno del programma degli eventi della manifestazione Iria Castle Festival mettendo a disposizione le prestigiose sale del Castello. (altro…)

Annunci

Queens-chips-Pescara-foto-di-Rino-Giardiello-426.jpg

La catena delle rinomate patatine fritte olandesi apre un punto vendita a Pescara. In pieno centro ed a poca distanza dalla spiaggia e dal mare, Queen’s Chips ha inaugurato il 9 di agosto in via Cesare Battisti 24. Per un evento eccezionale e per una comunicazione adeguata, è stato chiamato il bravo Rino Giardiello, più noto per le sue foto di architettura e come direttore di Nadir Magazine, ma in realtà parte attiva di un’ottima agenzia milanese di comunicazione. (altro…)

infrarosso-smartphone_07.jpg

La magia della fotografia infrarosso non è facile da ottenere con gli strumenti tradizionali né ora con il digitale né, prima, usando le apposite pellicole ed i filtri. Chiudendo un occhio sulla massima qualità ottenibile, però, è possibile fare la propria, prima esperienza con l’infrarosso utilizzando un semplice smartphone. Su Nadir Magazine il semplice e chiaro articolo di Claudio Schincariol che spiega passo passo cosa occorre e come fare. Se, grazie all’esperienza con lo smartphone, vi viene un’incredibile voglia di fotografia infrarosso di qualità, a fine articolo c’è il link al sito dell’autore che è uno dei maggiori esperti di questo genere di fotografia e troverete numerosi articoli completi e ben fatti oltre alle sue belle foto. (altro…)

RITRATTO AMBIENTATO IN BIANCONERO
L’incontro si terrà in una suggestiva scenografia di case coloniche abbandonate in una frazione di Caramanico in provincia di Pescara.

2°IncontroFoveon-vert-logo-web.jpg

Saranno presenti la make-up artist Natalia Yastremskaia e due modelle a disposizione dei partecipanti che potranno utilizzare la propria attrezzatura oltre a provare il Foveon in modalità Monochrome con la nuova Sigma sd Quattro H ed alcuni prestigiosi obiettivi Sigma della serie Art. I partecipanti in possesso di una fotocamera Sony con innesto E potranno provare gli obiettivi Sigma sulle loro fotocamere grazie all’adattatore Sigma MC-11.

Rino Giardiello, direttore di Nadir Magazine ed esperto utilizzatore delle fotocamere Sigma dotate di sensore Foveon, spiegherà le grandi potenzialità del sensore Foveon nella fotografia in bianconero, l’uso dei filtri incorporati in camera o in fase di postproduzione utilizzando Sigma Photo Pro.

Paolo Iammarrone, fotografo professionista, spiegherà l’uso del potente e versatile flash professionale Godox Witstro AD360 in luce diurna.  (altro…)

Sigma-17-70-paraluceSu Nadir Magazine l’approfondita prova sul campo del Sigma 17-70 F/2.8-4 Contemporary, uno zoom versatile e dal buon rapporto qualità/prezzo che può sostituire il 18-55 di serie nel formato APS-C. Rino Giardiello lo mette alla prova nelle più diverse condizioni d’uso ed il piccolissimo zoom si è sempre comportato molto bene.

Nella foto sottostante, sempre il Sigma 17-70 F/2.8-4, questa volta adoperato da Kate Chung per la foto di una speciale ricetta pubblicata su GhiottaMente, il sito di cucina asiatica, italiana e fusion realizzato dalla brava chef taiwanese: degli ottimi gnocchi con ricotta, scorza di limone, melanzane e basilico. (altro…)

RinoGiardiello-AdrianoLolli-2017-04.jpg

Rino Giardiello incontra il vecchio amico Adriano Lolli nel suo tempio a Montorio al Vomano in provincia di Teramo. Sul “tavolo operatorio” di Lolli, la Sigma sd Quattro del nostro e, affianco, un grosso binocolo. L’invenzione dei due creativi personaggi sarà forse un obiettivo in grado di scattare fotografie stereo 3D sfruttando le particolari caratteristiche del sensore Foveon? Nulla è da escludere e le idee in cantiere sono tante, ma per ora si tratta solo di un foro stenopeico supergrandangolare con baionetta Sigma SA e, in futuro, un “foro stenopeico zoom” grazie ad un piccolo elicoide di messa a fuoco (ricordiamo che il foro stenopeico, allungando il tiraggio, non cambia il punto di messa a fuoco ma la lunghezza focale). Buon lavoro Adriano!

Ricordiamo una semplice esperienza con un foro stenopeico autocostruito in un vecchio articolo pubblicato su Nadir Magazine nel 1986 nel quale spiegano bene i principi basilari del foro stenopeico.

Un importante aggiornamento del firmware della Sigma sd Quattro da 1.03 a 1.04. Il nuovo firmware porta numerosi miglioramenti e bug fix, ma due importanti novità. La prima è il visibile miglioramento dell’AF con le più recenti ottiche Sigma delle serie Contemporary, Art e Sport; la seconda è la possibilità di salvare le foto scattate anche nel formato DNG, il negativo digitale di Adobe, compatibile con Adobe Camera RAW e Photoshop senza dover passare per Sigma Photo Pro. Ma come va il DNG aperto da Adobe Camera RAW? Ha una qualità pari o migliore del RAW proprietario di Sigma convertito con Sigma Photo Pro? Su Nadir Magazine le prime impressioni a caldo di Rino Giardiello ed una verifica con la stessa foto prima e dopo l’aggiornamento del firmware. Nell’articolo è presente anche il link diretto al sito ufficiale Sigma Global per il download del nuovo firmware e le spiegazioni dettagliate su come effettuare l’aggiornamento senza rischi.

filtro-polarizzatore-04.jpg

L’uso dei filtri fotografici è cambiato moltissimo negli ultimi anni grazie alla facilità d’intervento della fotografia digitale. A che serve avere i filtri di conversione da luce diurna ad artificiale quando si può settare stesso in camera o comunque aggiustare in fase di postproduzione? A che servono i filtri per il bianconero se si scatta a colori e si possono scegliere tutti i filtri con Photoshop? Un filtro è rimasto però unico ed insostituibile: il polarizzatore. (altro…)

02_Sigma-50-100-Art.jpg

Nell’aggiornamento di oggi di Nadir Magazine il test dell’ottimo zoom Sigma 50-100 della prestigiosa serie Art. Lo zoom è caratterizzato dal mantenere la luminosità massima di F/1.8 a tutte le lunghezze focali e dalla qualità elevatissima sin dalla massima apertura. La prova sul campo del Sigma 50-100 F/1.8 è stata realizzata da Rino Giardiello che ne ha verificate le prestazioni con severi test nelle più diverse condizioni di utilizzo su corpo Sigma sd Quattro. Lo zoom è per il formato APS-C anche se ha una copertura un po’ più abbondante del previsto e potrebbe essere adatto ad essere usato anche sulla Sigma sd Quattro H, cosa che verrà verificata in un prossimo test. Lo zoom è disponibile per gli attacchi più diffusi (Sony, Nikon, Canon…) per il formato APS-C. Leggi tutto l’articolo su Nadir Magazine.

GuarinoPasquale_228.jpgUn interessante ciclo di lezioni sull’arte del vedere e sulla creatività tenuto da Rino Giardiello a Napoli ed in altre città italiane. Il tema del seminario “Vedere l’invisibile” già la dice tutta ed il notevole successo del corso, già tenuto presso università, associazioni fotografiche ed associazioni, ha fatto sì che il corso sia cresciuto e sviluppato dall’analogico al digitale – l’arte del vedere senza confini tecnologici – affinando con successo la sensibilità dei partecipanti.

Con un finale toccante sulle note della canzone “Heroes” di David Bowie per ricordare i fatti storici del Muro di Berlino che hanno ispirato la canzone ed il nostro essere “Eroi di tutti i giorni”, l’intervento di Rino Giardiello, “fotografo e poeta” come l’ha definito una giornalista presente, è terminato con un meritatissimo scroscio di applausi.

 Riproponiamo la recensione del ciclo di lezioni tenuto da Rino Giardiello a Napoli presso la facoltà di Architettura Federico II sul tema “Vedere l’invisibile”, un seminario riproposto di recente durante delle lezioni organizzate dall’Ordine dei Giornalisti Abruzzesi e nel Laboratorio di Fotografia Creativa a Giffoni Valle Piana.